lunedì 8 ottobre 2012

Assistenza Sanitaria e SUS in Brasile

Una cosa da considerare quando si pensa a viaggiare, o lavorare in un paese, è l'assistenza sanitaria, sia in termini di qualità che di costi.
Il Brasile, per legge, garantisce assistenza sanitaria a tutti i brasiliani (e non solo).

Purtroppo il sistema sanitario pubblico ha delle grosse lacune (soprattutto in alcune aree del paese) e quei briasiliani che possono permetterselo, stipulano un'assicurazione privata (i cosiddetti "planos de saúde") con le varie compagnie assicurative. In pratica, in base al tipo di piano e al costo, ci sono più o meno ospedali convenzionati, cliniche e medici.

Il piano di salute può essere stipulato privatamente, o pagato dal datore di lavoro. Per chi intende lavorare nel paese, è buono sapere che moltissimi contratti di lavoro prevedono come benefit la stipulazione di un'assicurazione sanitaria privata. Stipulare un'assicurazione privata normalmente garantisce migliori condizioni di assistenza (in São Paulo ci sono ospedali che sembrano hotel 5 stelle) e soprattutto tempi accettabili per cosulte mediche o esami.

Il sistema sanitario pubblico, qui conosciuto come SUS (Sistema Unico di Saude), almeno in São Paulo, pur essendo di buona qualità, non garantisce esami in tempi accettabili. A volte bisogna mettersi in coda ed aspettare mesi per poter fare un esame... ma questo succede anche in Italia.
C'è però il vantaggio che il SUS è "gratis". Anche per stranieri. Io personalmente ho fatto la registrazione al SUS (come si farebbe alla ASL in Italia) e ho potuto usufruire dei servizi senza pagare un Real.
E' sempre consigliabile stipulare un'assicurazione sanitaria in Italia prima di partire (una delle compagnie migliori come costi e garanzie è Mondial Assistance), ma qualora non fosse possibile, o la stessa assicurazione scadesse, si può contare su un servizio sicuramente "basilare" offerto gratuitamente. L'ospedalizzazione presso cliniche e ospedali privati, senza un'assicurazione, è fuori dalla portata di molti.

Riassumento, per mantenere gli standard di salute a cui siamo abituati in Italia (e spesso anche migliori) è consigliabile stipulare un'assicurazione privata, ma il Brasile che è un paese civile, garantisce cure anche a chi non ha i mezzi ed è straniero).

.

Nessun commento:

Posta un commento